Cosa sono le Bici a Scatto Fisso e Come Funzionano

Cosa sono le Bici a Scatto Fisso e Come Funzionano

Ultimo Aggiornamento in data

Avete mai sentito parlare di bici a scatto fisso? Sì? Bene, qui trovate una rinfrescata sul tema e un approfondimento.

No? Nessun problema, ci pensiamo noi a illustrarvi tutto quello che occorre sapere su questa divertente bicicletta che ultimamente sta avendo grande successo soprattutto nelle città, cambiando letteralmente il modo di pedalare e di andare in bicicletta.

L’articolo si rivolge sia ai più grandi, sia ai ragazzi che vogliono imparare una specialità diversa del ciclismo.

Cos’è una bici a scatto fisso?

Una bici a scatto fisso è caratterizzata dal fatto di non possedere il cambio e quindi dall’avere un unico rapporto, con la catena direttamente connessa al pignone sul mozzo posteriore.

Inoltre non è possibile pedalare a vuoto: in gergo tecnico si dice che non si può avere la pedalata libera.

Ci spieghiamo meglio: se salite su una normalissima bici e pedalate all’indietro, sentite girare la catena a vuoto perché tale movimento non genera alcuna trazione e la bici prosegue per inerzia il suo incedere.

Con la bici a scatto fisso ciò non avviene: non è possibile pedalare indietro senza condizionare l’andatura. Se smettete di pedalare la bici a scatto fisso frena e la ruota montata dietro si arresta.

Questo avviene perché si ha un rapporto diretto con la ruota posteriore e la pedalata è l’unico metodo per muovere il mezzo.

Le bici a scatto fisso, in gergo è possibile chiamarle anche fixed bike, fixie oppure fixed gear.

Come è fatta una bici a scatto fisso?

Esteticamente la bici a fixed gear è molto semplice, “povera”, spogliata di diversi accessori e tipicità che invece si ritrovano sulle biciclette da corsa o sulle mountain bike.

L’elemento che più di altri distingue una fixed è la presenza di un rapporto univoco e non è possibile interrompere la pedalata.

Per questo alcuni modelli nemmeno hanno le leve freno (o hanno solo quella che comanda la ruota anteriore), non presentano il deragliatore, non vi sono corone montate posteriormente, non hanno cambio e quindi nemmeno i leveraggi di comando, non hanno sospensioni.

L’estetica è molto leggera e semplice che rischia le biciclette di una volta, con un solo pignone dietro e una sola corona anteriore.

Per il resto un telaio, un manubrio, il sellino, i pedali e le due ruote.

Talmente semplice che c’è anche chi prova a costruirsi da solo la fixed bike, partendo magari da un vecchio ciclo.

Esteticamente può essere strutturalmente simile ad una bicicletta da corsa oppure ad una mountain bike.

Il vantaggio è che è possibile personalizzare il mezzo in modo da configurarlo come più piace e come meglio risulta funzionale.

Come funziona una Fixed Bike?

Il funzionamento della fixed gear avviene mediante un collegamento diretto trasmissione – ruota.

In base al tipo di pedalata è possibile aumentare o diminuire la velocità e smettendo di pedalare è possibile frenare, bloccando la ruota posteriore.

Avendo un unico rapporto installato, è importante valutare l’utilizzo del mezzo e decidere quale pignone far montare, avendo spazio per una sola scelta.

In salita, in pianura e in discesa si utilizza lo stesso rapporto, ovvero quello montato sulla bicicletta senza la possibilità di selezionarne altri.

Un rapporto più lungo è preferibile per itinerari pianeggianti, veloci o comunque in discesa, mentre una rapportatura più corta offre maggior agio in salita oppure su percorsi tortuosi dove sono necessarie molte frenate.

La scelta di tale variabile è fondamentale, non solo per fare minor fatica possibile, ma quanto più per far rendere al meglio la vostra bici a scatto fisso.

Perchè comprare una bici a scatto fisso?

Acquistando una bici di questa tipologia è possibile circolare con un mezzo sicuramente di tendenza e tipicamente ideale per la città.

Chi acquista questa tipologia di mezzo non lo fa certo per fare grandi tragitti in salita, ma per rimanere in ambiente metropolitano dove i percorsi sono tendenzialmente pianeggianti.

Data l’economicità del mezzo e le caratteristiche, le biciclette fixed gear sono l’ideale per recarsi al lavoro in città e muoversi con agilità.

Inoltre non sono molto costose: essendo semplici nella loro idea costruttiva e mancanti di alcune parti presenti invece su modelli di altra tipologia, il prezzo è tendenzialmente vantaggioso.

Proprio la loro costruzione comporta una realizzazione del telaio con peso ridotto, a vantaggio dell’agilità e della leggerezza del mezzo.

Ciò permette anche a persone piuttosto robuste di potersi muovere minimizzando gli impicci e riducendo la fatica nei piccoli tragitti, risparmiando qualche chilogrammo sul peso complessivo.

Un altro vantaggio delle bici a scatto fisso riguarda la durata: se siete dell’idea che tutto ciò che manca non si rompe, potrà durare molti anni, senza essere vincolante.

Infatti la possibilità di personalizzare il mezzo esiste sempre, potendo così rinnovare la vostra splendida bicicletta.

Cosa serve per andare su una bici a scatto fisso?

Sicuramente l’utilizzo di una bicicletta con queste caratteristiche necessita di attenzione.

La mancanza dei freni e il fatto che non si debba smettere la pedalata sono certamente due aspetti che più di altri caratterizzano la componente mentale richiedendo grande concentrazione.

Più che altro è difficile abituarsi se si proviene da una bici da corsa o da una mountain bike e per questo è bene esercitarsi in tratti pianeggianti con la bici a scatto fisso per poter prendere dimestichezza con il controllo della pedalata e con il metodo di frenata.

In poche parole per poter salire su una Fixed Bike e utilizzarla servono forza, coraggio e tecnica.

Tutte caratteristiche che necessitano anche in una bici normale, ma che nello scatto fisso richiedono una maggior propensione.

Ciò non significa che si tratti di un mezzo pericoloso.

Quando utilizzare una bici a scatto fisso?

Sicuramente quando si gira per la città il sistema offerto dalle scatto fisso è più pratico, ma è giusto sapere che l’impiego di questa bici è possibile anche in ambito agonistico.

Ci sono vere e proprie manifestazioni e gare di questa specialità.

Molte persone confondono le bici a scatto fisso con quelle da velodromo, in realtà non sarebbe propriamente corretta tale visione, bensì siano molteplici le caratteristiche in comune.

Questo per dire che è sì possibile utilizzare una bicicletta fixed gear in un velodromo, ma è necessario esser consapevoli che non avrà pienamente le caratteristiche di una bici da velocità.

Le Fixed Bike rappresentano un ottimo allenamento anche per i ciclisti corsaioli.

L’uso di una fixed bike consente loro di “fare gamba” come si suole dire.

Quando sono in procinto di iniziare la preparazione è importante puntare a recuperare una pedalata fluida, completa, rotonda, senza affanni e in totale controllo.

Ecco che una bicicletta scatto fisso può contribuire a sviluppare un gesto tecnico proiettato non tanto sulla velocità, ma sulla distanza.

All’inizio è fondamentale mettere chilometri nelle gambe e questo genere di mezzo è rappresenta un valido metodo.

Mario Conti

Ciao! Mi chiamo Mario Conti e sono il Fondatore e Amministratore del Sito. Negli ultimi 10 anni ho praticando un'infinità di Sport su Tavola, la mia missione è quella di far conoscere a tutti gli Sport che amo.

Recent Content