Cos’è il Sistema Boost nelle MTB e Quali sono i suoi Vantaggi


Il termine boost è sinonimo di qualcosa di potente, di forte, di piacevole (come nella musica, ad esempio, con il concetto di “bass boost”).

Nel settore mountain bike il significato è lievemente diverso e probabilmente rappresenta la moda del momento, anche se è già da qualche tempo che alcuni modelli di MTB sono proposti con questa peculiarità.

Ma cosa significa veramente Boost Nelle MTB? Ecco qui la spiegazione.

Cosa significa Sistema Boost e da dove deriva?

Boost è un sistema che interessa i mozzi ruota MTB e la trasmissione, creando dirette conseguenze alla forcella anteriore e alla guarnitura con le relative corone, le quali devono adeguarsi ed essere compatibili con i telai che prevedono tale concetto. 

L’origine del Boost proviene da SRAM, la famosa casa produttrice di cambi e guarniture, con l’obiettivo di ottimizzare la rigidità e la precisione delle ruote da 29 pollici, agendo sul mozzo. 

La guarnitura deve, di conseguenza, adattarsi e tale adattamento viene definito Boost.

In cosa consiste la guarnitura Boost?

La guarnitura è sempre una zona di criticità per chi produce il telaio.

In caso di Boost, la misura aumenta di 3 mm, in seguito all’incremento della linea di catena che raggiunge i 52 mm.

Una guarnitura Boost sarà dunque utilizzabile unicamente in presenza del mozzo della ruota posteriore con battuta maggiorata, il quale passa da 142 mm a 148 mm.

In una guarnitura Boost la linea di catena trasla di 3 mm rispetto alla guarnitura normale, passando appunto da 49 mm a 52 mm.

Per consentire il regolare lavoro della catena, senza che con l’incremento del mozzo posteriore questa tocchi il copertone, la guarnitura Boost va a creare lo spazio necessario che permette il montaggio di pneumatici allargati.

Nella parte anteriore il passaggio è tra i 100 mm del mozzo di una MTB tradizionale ai 110 mm di quello che viene installato su una MTB Boost.E’ possibile un adattamento della ruota al nuovo formato con un telaio normale?

La risposta in questo caso è negativa e non è possibile. Il sistema Boost deve abbinarsi ad un telaio pensato per montare mozzi e guarnitura Boost.

E’ possibile invece il contrario grazie a dei sistemi di adattamento (ad esempio acquistando una corona che presenta una campanatura più o meno accentuata).

In questo caso è possibile passare da un sistema Boost ad uno normale (non Boost), ma non il contrario.

Articoli Consigliati :

  1. Qual’è la Differenza tra Tubeless e Tubeless Ready?
  2. Quali Sono le Differenza Tra MTB Front e Full?
  3. Qual’è la Differenza tra Bici da Trekking ed MTB?
  4. Come Vestirsi per Andare in Bici Quando fa Caldo?
  5. Migliori MTB All Mountain, Guida alla Scelta
  6. Migliori percorsi Mountain Bike in Italia

Come si spiegano i vantaggi di possedere una guarnitura Boost abbinata ad un intero sistema di questo tipo che fa diventare più rigida la bicicletta?

sistema boost vantaggi nelle mtb

Il principale vantaggio è l’incremento della rigidità delle ruote e della loro precisione.

Le ruote da 26 pollici sono ritenute molto più precise e robuste rispetto a quella da 29 pollici.

Grazie al Boost è possibile ottenere una più spiccata rigidità nelle ruote di dimensioni più grandi, grazie anche ad un particolare posizionamento dei raggi che conferiscono al cerchione maggior solidità e quindi precisione di guida, avvicinandosi molto alle tipicità delle ruote da 26 pollici.

Rispetto ad un sistema normale non Boost, le flange si presentano con un angolo maggiorato e più aperto, consentendo dunque un’angolatura dei raggi particolarmente efficace.

Nello specifico, l’angolo tra asse del mozzo e raggio in un sistema Boost risulta più aperto, a beneficio della robustezza e della rigidità della ruota. Il vantaggio è più accentuato in una ruota da 29 pollici.

Anche la forcella beneficia dei vantaggi derivanti dal sistema Boost, poiché essendo agganciata ad un mozzo maggiorato (di 10 mm) e lavorando con esso in maniera sinergica, viene aumentata la superficie di contatto.

Tecnicamente questa particolarità diviene utile per migliorare la rigidità della forcella stessa.

Quali sono i vantaggi in sintesi di un sistema Boost?

Oltre a quanto espresso precedentemente, ecco un riepilogo dei vantaggi possibili grazie ad un sistema Boost.

  • Migliorata rigidità ruota
  • Incremento durata nel tempo della ruota
  • Miglioramento geometria del telaio
  • Aumentate possibilità di scelta di corone dentate
  • Possibilità di applicare coperture allargate ai cerchioni
  • Aumento della rigidità laterale su ruote da 29 pollici e, in misura minore, da 27.5 pollici
  • Aumento dell’offset creando maggiore spazio

Per le ruote da 27,5 pollici le cose cambiano?

Le ruote da 27,5 pollici si pongono in una giusta via di mezzo tra quelle da 26 pollici e quelle da 29 pollici.

Ciò vale non solo a livello dimensionale, ma anche sotto l’aspetto delle rigidità e della precisione di guida.

Per MTB da 27,5 pollici il cui utilizzo è abbastanza spinto e agonistico, la soluzione Boost e l’ideale perché irrigidisce l’intero mezzo, arrivando a parificarsi ai modelli da 26 pollici.

Se invece l’utilizzo è più amatoriale, magari con poco sterrato e in percorsi non troppo complicati, allora potrebbe essere conveniente rimanere su una soluzione tradizionale, a meno di un prezzo vantaggioso della soluzione alternativa.

Ma davvero conviene scegliere un sistema guarnitura Boost?

Per la precisione è bene specificare che non si sceglie solo la guarnitura Boost, ma l’intero sistema composto da mozzi, forcella e telaio, tutto progettato e pensato per essere compatibile con il Boost.

Ponendo a confronto i vantaggi e gli svantaggi, i secondi risultano in netta minoranza e l’unico neo potrebbe essere rappresentato dalla compatibilità di un telaio già in tuo possesso.

In realtà un allestimento Boost aumenta lievemente il peso del mezzo, ma in maniera che spesso viene considerata trascurabile.

I vantaggi caratteristici della ruota da 29 pollici comportano degli svantaggi generali sulla bicicletta MTB tradizionale.

Per compensare questa situazione è possibile optare per il Boost: irrobustimento ruote, più spazio per il pneumatico, forcella e telaio con rigidità migliorate.

La convenienza sta nell’acquisto di una MTB nuova con ruote da 29 pollici: in questo caso è consigliabile scegliere la soluzione Boost, anche perché diventerà presto uno standard per tutti i produttori.

Quando ciò avverrà (le previsioni dicono piuttosto presto), sarà più semplice anche svolgere la manutenzione e trovare la ricambistica.

Le soluzioni normali continueranno ad esistere ma su modelli con ruote più piccole, da 26 pollici ed eventualmente da 27,5 pollici, anche se in questi ultimi inizia a fare capolino questo innovativo sistema.

Come hanno reagito i produttori di guarniture normali all’avvento del sistema Boost?

Boost è stata inizialmente una creazione di SRAM su commissione di Trek, Poi piano piano le altre case hanno seguito il filone costruttivo e concettuale.

SRAM e Shimano hanno risposto con immediatezza, proponendo particolari e componenti compatibili con il nuovo sistema.

Come cambia la terminologia con il sistema Boost sulle MTB moderne?

La terminologia non muta.

A cambiare sono le dimensioni e le singole distanze.

Boost rappresenta ciò che sarà lo standard di mozzi e guarniture nelle mountain bike da 29 pollici.

La linea di catena è definita come la misura che intercorre tra l’asse centrale della sezione del telaio con la linea mediana della corona. In una configurazione Boost questa varia da 51 a 53 mm, mentre in un allestimento tradizionale la distanza rimane compresa tra 48 e 50 mm.

Qualcuno parla anche di offset della corona, intendendo come la distanza misurata tra la mediana delle corone dentate e la parte della corona che viene definita base. (la distanza può essere di 0, 3, 6 mm).

In qualche definizione in rete appare il termine Fattore Q oppure Q Factor: il valore è riferito ad una guarnitura e identifica la misura alla quale distano le pedivelle.

Una guarnitura Boost, rispetto ad una normale, influenza gestione del cambio?

Sinceramente no.

Se un cambio è fluido nel cambiare i rapporti, lo è sia con un telaio con guarnitura normale che con un telaio provvisto di guarnitura Boost.

Condividi L'articolo

Mario Conti

Ciao! Mi chiamo Mario Conti e sono il Fondatore e Amministratore del Sito. Negli ultimi 10 anni ho praticando un'infinità di Sport su Tavola, la mia missione è quella di far conoscere a tutti gli Sport che amo.

Recent Content